KunstNet nutzt Cookies. Details.

Adele Canetti Lazzeri

  • Zeichnungen, Portrait
  • Zeichnungen, Portrait
  • Zeichnungen, Portrait, Giallo
  • Zeichnungen, Portrait, Giallo
  • Zeichnungen, Portrait, Giallo
  • Zeichnungen, Portrait, Giallo
  • Zeichnungen, Portrait, Nero
  • Zeichnungen, Portrait, Nero
  • Zeichnungen, Portrait, Nero, Che
  • Zeichnungen, Portrait
  • Zeichnungen, Portrait
  • Zeichnungen, Portrait
@AdeleLazzeri

aus Firenze, Italien


Über mich

Quelle mani che nascondono "Forme nascoste": i disegni su carta di Adele Canetti Lazzeri.

Mi sono imbattuta per caso nei disegni di Adele Canetti Lazzeri.
Mi è stato chiesto , in qualità di Presidente della Commissione delle Elette del Comune di Bologna, di “dare una mano” a promuovere il lavoro della giovane artista ed a sostenere il progetto culturale, tutto al femminile, che attorno a lei si stava componendo, grazie al contributo delle curatrici della sua Mostra, Patrizia Dughero e Francesca Cucinotta, ed al coinvolgimento di Michaela, l’artista di strada che accompagnerà l’evento inaugurale con il suono della sua arpa celtica.
Così sono andata alla ricerca delle “ Mani” disegnate da Adele che saranno esposte proprio nella “Manica Lunga” di Palazzo d’Accursio.
Mi hanno incuriosito quelle Mani, soggetto unico della sua espressione artistica, sono mani di uomo, o forse no, trasfigurate o realistiche, essenziali e rigorosamente delineate in bianco e nero.
E ancor di più mi hanno incuriosito le forme che quelle mani nascondono o forse con–prendono:
ho visto una foglia, una goccia, ed un dolore, fra dita rattrappite.
Ho letto la sorpresa, la domanda, e la promessa, suggellata sul foglio sgualcito di un diario.
Ho percepito una carezza, un’indicazione ed un patto, chiuso in un pugno nero...
Il bello dei disegni di Adele non sta solo nelle forme delle tante e sole Mani che disegna, sta in quello che di nascosto quelle mani contengono e che, con la nostra azione di disvelamento, riesce a prendere forma, come per magia, e diventa immagine.
E’ così che ci parla Adele, è così che comunica questa giovane donna che ,con le proprie mani, disegna ciò che c’è, anche se non si vede. La qualità del suo tratto, invece, si vede benissimo.

Mariaraffaella Ferri
Presidente della Commissione delle Elette del Comune di Bologna


Adele Canetti Lazzeri è una creativa nata a Firenze, nel 1996. Nonostante la giovane età, ha già carpito su di sé e sul proprio operato artistico l'attenzione di importanti critici d'arte, illustri artisti ed esperti d'arte in generale, grazie allo stile inconfondibile e accattivante, dote parecchio rara per una pittrice e disegnatrice così giovane. Adele Canetti Lazzeri attualmente frequenta, a Firenze, il liceo classico "Galileo Galilei", perché ha voluto fortemente una formazione che le permetta di avere una conoscenza umanistica e letteraria, sempre utile per costruire solide idee su cui fondare le proprie creazioni. Il tema attuale sono le mani, dove il soggetto si ripete in infiniti modi all'interno delle sue opere. Ritrarre singole dita, ricerca incessante di pose particolari delle mani, da immortalare sulla carta giallina, spesso come visioni prospettiche volutamente distorte, quasi a "giocare" con esse, attraverso l'interpretazione visionaria di quella fondamentale parte del corpo umano. Attualmente la tecnica che predilige è il bianco e nero, realizzato su robusta carta color ocra, grazie al carboncino, alla grafite ed all'inchiostro di china. In cantiere vi sono progetti per alcune mostre di grande rilevanza, poiché la scelta adottata dalla giovane artista è quella lungimirante della selezione di luoghi di prestigio, per realizzare alcune mostre e proporre i propri lavori al vasto pubblico, che segue l'arte.


Künstler, AdeleLazzeri bei KunstNet